6 trucchi infallibili per la tua strategia PPC su Google Ads

ppc illustrazione

Abbiamo già parlato in maniera approfondita di Google Ads in questo articolo: GUIDA A  GOOGLE ADS. Come avrai letto è la piattaforma di marketing più utilizzata al mondo e se utilizzata correttamente è ideale per il successo online delle tua attività. 

Quando si parla di ”campagna marketing”, forse gli annunci a pagamento sono l’ultima strategia a cui penseresti e fino ad oggi ti sarai focalizzato sullo sviluppo di contenuti accattivanti. 

Un’enorme quantità di tuoi potenziali clienti cliccano sugli annunci di Google Ads, molto probabilmente dei tuoi competitor. Un annuncio online posizionato al primo posto della ricerca, ottiene circa una media di CTR maggiore del 7% e, secondo WordStream, il 64% degli utenti cliccano sull’annuncio di Google Ads, specialmente quando sono pronti all’acquisto di un prodotto online. 

Infatti, come si vede nel grafico qui sotto, Google Ads tra i 5 canali genera il ROI più alto in assoluto per quanto riguarda la pubblicità online. 

ROI dei social media

Se hai già letto la nostra guida completa di Google Ads, questo articolo può considerarsi un breve aggiornamento. 

Strategia 1. Individua i bisogni dei consumatori

Il miglior modo per raggiungere i consumatori è conoscere i loro bisogni. Mettiti sempre nei panni di un utente e fornisci le informazioni che tu stesso vorresti ricevere o trovare durante la tua ricerca. 

Ricordati: le persone adorano sentirsi apprezzate e inoltre, adorano anche le ricerche rapide.

Tieni bene a mente queste due cose quando pianifichi la tua campagna online. Utilizza sia un contenuto, sia un messaggio efficace per andare in contro alle necessità della tua azienda e dei consumatori. 

bisogni azienda e consumatori

Cerca quindi di prevenire quelle che possono essere le difficoltà che riscontra un utente durante una ricerca: se lo farai, vedranno il tuo sito o prodotto come qualcosa che va oltre le loro aspettative e necessità. Diventerai una risorsa importante per loro. 

Puoi applicare questa strategia con il tuo strumento di ricerca di parole chiave: escludi keyword negative che non hanno nulla a che vedere con la tua attività e correggi i tuoi parametri di corrispondenza! 

Iniziamo con l’aspetto demografico degli utenti. Dove si trova il tuo pubblico? 

NB: conoscere la località è solo il primo step. Devi anche comprendere il ciclo di acquisto dei clienti in modo da realizzare una campagna che genererà contatti profilati che convertiranno! 

ciclo di vendita dei consumatori

Strategia 2. Controlla i tuoi competitor

Monitora sempre i tuoi competitor: è essenziale per il successo della tua campagna in Google Ads, specialmente per la corrispondenza delle keyword! 

Quindi, selezionando le keyword negative ottieni già una struttura del tuo funnel (gli utenti che entrano nel tuo funnel stanno sicuramente cercando il tuo prodotto o uno molto simile), assicurati di controllare sempre come si comportano i tuoi competitor per migliorare sempre più la tua campagna online. 

Per conoscere i dati dei competitor ti consiglio di andare sul sito Spyfu.com: inserisci l’URL del sito del/dei competitor.

strumento online spyfu

Riuscirai a vedere così le sue/loro keyword organiche (non a pagamento) e quelle a pagamento. 

keyword organiche e a pagamento

Potrai anche spiare il suo/loro copy (testo) dell’ annuncio Google Ads. 

Fai tesoro di questi dati e utilizzarli per creare un annuncio migliore: attrai più utenti!!!

Strategia 3. Crea una valida USP (Unique Selling Proposition)

Chiariamo innanzitutto cos’è una USP; in italiano si chiama ”argomentazione esclusiva di vendita, ossia la campagna deve basarsi su un unico argomento di vendita, non diversi. Si può definire come il fattore chiave del prodotto/servizio che lo differenzia dalla concorrenza (e teoricamente lo fa apparire migliore). Questo è un punto fondamentale: senza usp rischi di perdere tempo e soldi. 

Nonostante tu riesca a ottenere utenti pronti ad acquistare, le probabilità che questi convertano realmente sono ridotte, a meno che tu non riesca a comunicare loro il vero vantaggio che tu e solo tu puoi offrire. 

Ricordati che le persone non cercano prodotti concreti, ma cercano piuttosto i benefici e le soluzioni che un prodotto può fornire. 

Se risalti tra la folla, sarà più facile ottenere clic, contatti e quindi conversioni! Differenziarsi è sempre la chiave. 

Secondo il celebre Levitt, la differenziazione dovrebbe essere il pensiero fisso di ogni azienda. Essere ricordati è importante. 

Torna utile il punto 1: identifica sempre cosa vuole il tuo pubblico e fornisci una valida soluzione! Ecco come funziona: 

unique selling proposition

Quando crei una USP, nonostante tu sappia che il tuo prodotto/servizio sia il migliore, non puoi permetterti di adagiarti sugli allori: lancia una campagna sulla rete di ricerca per avvicinarti al tuo pubblico! 

Se non permetti ai potenziali ed effettivi clienti di giudicare il tuo prodotto migliore attraverso la tua USP, non ti sceglieranno mai. Qualora la tua USP fosse efficace, lo vedrai immediatamente dai risultati su Google Ads. 

Di seguito alcuni step per sviluppare una USP perfetta per la tua campagna Google Ads:

1.Entra nella mente del tuo cliente ideale: i consumatori attuali sono molto sofisticati e prima di prendere una decisione per un acquisto, faranno mille controlli e considerazioni.

Qui sta a te dimostrare che il tuo prodotto/servizio vale la pena essere acquistato! Il cliente è sempre al centro della tua attività, anche perché, senza clienti, la tua attività non  sopravviverebbe 🙂 

Sii astuto con il copy dell’annuncio, parla la stessa lingua del tuo cliente ideale.  

immagine di pensieri

   Dovresti essere in grado di rispondere alla seguenti domande: 

  • Chi è il tuo cliente ideale?
  • Che difficoltà/necessità può avere? 
  • Come il mio prodotto/servizio può aiutarlo?
  • Che parole sta usando per cercare il mio prodotto/servizio?
  • Che parole devo escludere dalla possibile ricerca e renderle negative?
  • Quanto propenso è ad accettare la mia soluzione?

Nota come i marchi di tecnologia più famosi al mondo (Apple e Samsung) non si concentrano sulla vendita dei prodotti, ma comunicano i loro pregi, lo stile e l’utilità. 

Se ad esempio un utente sta guardando online un Macbook, si starà immaginando come deve essere possedere questo fantastico dispositivo e l’invidia che proveranno gli amici. 

esempio del macbook

In altre parole, i grandi marchi stimolano le emozioni degli utenti, perché è proprio questo che porta alla vendita. 

Secondo numerosi casi studio, in tutto il mondo i consumatori acquistano in base alle emozioni. 

Questo è importantissimo per la tua campagna di pubblicità online. 

È molto più facile capire cosa sta cercando il tuo pubblico quando prima cerchi le parole chiave che le persone digitano nel motore di ricerca. Per farlo, vai sulla sezione Keywords Planner di Google Ads, inserisci la tua parola chiave principale e clicca ”ottieni idee”. Riuscirai a vedere esattamente le parole chiave correlate che i consumatori stanno digitando per quel prodotto/servizio/marchio. Vedrai inoltre il loro volume (quante volte è stata digitata quella parola chiave in un mese) e l’offerta suggerita. 

idee di keyword

Media delle ricerche mensile: questo valore si riferisce al numero di volte che il tuo cliente ideale ha digitato la parola chiave nel motore di ricerca. Per la tua campagna Google Ads, cerca di selezionare parole chiave che hanno un volume di ricerca almeno pari a 700, così sei sicuro di trovare persone sicuramente interessate. 

Concorrenza: si riferisce al numero di inserzionisti che stanno facendo offerte per la stessa parola chiave e cercando di ottenere il migliore posizionamento nei risultati

Suggerimento di offerta: se vuoi che il tuo annuncio sia più visibile nella ricerca, cerca di attenerti al suggerimento o aumenta leggermente l’offerta, non diminuirla mai.

2. Esprimi esattamente come la tua attività può rispondere alle necessità dei consumatori

Innanzitutto tieni in considerazione che non sempre i consumatori stanno cercando un prodotto da acquistare. Può essere che siano delusi dal prodotto comprato in passato e non ne stiano cercando uno nuovo. Devi quindi proporre una soluzione valida. La tua USP deve focalizzarsi sulla soluzione che tu fornisci e comunichi nel tuo annuncio. 

Cerca di capire quindi come i consumatori rispondono al tuo messaggio e successivamente personalizza la descrizione del tuo prodotto. In questo modo vedranno prima la soluzione e poi il prodotto.

3. Eleva il tono della comunicazione

Quanto pensi ci metteranno i consumatori a capire i benefici che offri? O colgono subito il valore o sono potenziali clienti persi. Per questo devi elevare il tono del testo del tuo annuncio, rendendolo persuasivo: non stimolare l’acquisto, risalta i vantaggi del prodotto/servizio.  

Per capire come elevare il tono, definisci il tuo obiettivo prima di tutto e capirai quale direzione prendere. Ad esempio, se vuoi che i visitatori si iscrivano alla tua newsletter, dovrai utilizzare queste tecniche: 

Unisciti a noi e impara come __________

Scarica il report gratuitamente e scopri ___________

Puoi anche spiegare brevemente chi sei e introdurre rapidamente la tua USP per attirare gli utenti.

4. Usa la tua USP creare il tuo annuncio su Google Ads

Quando scrivi il tuo annuncio, utilizza l’opzione ”estensione dell’annuncio” per aggiungere la tua USP al titolo, testo dell’annuncio o entrambi. 

Ogni volta che un utente digita una parola su Google, moltissimi annunci relazionati a quella parola chiave appariranno e sarà l’utente a decidere quale cliccare. 

Quando integri la tua USP come estensione dell’annuncio, RISALTI, sia nel display, sia nei risultati della ricerca. 

Puoi inoltre utilizzare la tua USP per la tua landing page! Questa strategia funziona perché qualora gli utenti clicchino sul tuo annuncio, atterreranno su una pagina che sarà estremamente pertinente all’annuncio! 

Strategia 4. Attira gli utenti con una landing page che converte!

Se vuoi aumentare il tuo tasso di conversione, sicuramente la tua landing page dovrà stimolare l’acquisto! Leggi la guida per creare una landing page perfetta! In generale hai bisogno del giusto design, di un copy accattivante (che eviti determinate parole), ecc…

Ricordati sempre che la landing page è fondamentale per il tuo successo. 

Secondo WordStream, la pertinenza è l’elemento chiave per l’ottimizzazione della tua landing page. È infatti proprio nella pagina di atterraggio che gli utenti decidono se sei interessante o meno. 

I contenuti devono essere originali e utili. 

Se per esempio riesci a ottenere 1000 visitatori provenienti dal tuo annuncio (utenti che entrano nel tuo funnel) e vorresti che almeno 100 diventassero clienti acquistando quello che offri:

funnel

Quando diventano clienti? Quando trovano esattamente la soluzione alla loro necessità nell’immediato: 

landing page esempio corretto

Puoi utilizzare Unbounce per realizzare velocemente la tua landing page. 

Non chiedere mai ai consumatori di acquistare nella landing page, concentrati su: 

  • Contenuti originali, pertinenti e utili: pertinente all’annuncio e alla parola chiave, che fornisca informazioni utili e contenuti unici
  • Trasparenza e fiducia: fai in modo che sia semplice trovare il tuo contatto, chiarisci perché stai chiedendo di rilasciare determinate informazioni, specifica di cosa si occupa la tua attività
  • Facilità di navigazione: informazioni chiare e immediate, facilità di acquisto, non annoiare i visitatori con pop up che disturbano la navigazione. 

Ecco cosa fare: Crea un’offerta irresistibile! 

Il consumatore impiega circa 3 secondi per decidere se acquistare o no: cosa gli comunichi in questi 3 secondi?? 

Ricordati che i consumatori non stanno cercando il prodotto con il confezionamento e il design più bello! Di nuovo, cercano una valida soluzione. 

Utilizzare i lead magnet (give away, ebooks, report, video, podcast, etc) può essere un importante punto di partenza per coinvolgere il visitatore e farlo interessare. 

Cerca di palesare sempre il risultato che otterrà un utente acquistando il tuo prodotto. Se ad esempio offri un tool per acquisire 1000 iscritti alla newsletter, specifica sempre il numero di utenti che possono ottenere! 

Strategia 5: Crea un annuncio convincente e persuasivo

Se hai le idee chiare sulla tua attività, allora sarà facilissimo scrivere il copy dell’annuncio in maniera impeccabile. 

Una volta che conosci il tuo pubblico ideale, che soluzione cerca, i benefici del tuo prodotto/servizio, sarà sufficiente unire il tutto per scrivere il testo!

Il titolo dell’annuncio è importante tanto quanto il titolo di un articolo del tuo blog! Deve essere intrigante e attirare l’attenzione. 

Ecco come fare: 

1. Crea la tua campagna Google Ads

Definisci l’obiettivo e il tipo di campagna, io consiglio sempre Ricerca o Display

obiettivo campagna google ads

tipo di campagna google ads

  • Stabilisci la località e la lingua. 
  • Il segmento di pubblico 
  • Per quanto riguarda il budget, devi dedicare alla campagna almeno 100 euro. Dopo aver impostato il tuo budget giornaliero, clicca ‘’salva e continua’’ 

Inizierai ad impostare il gruppo di annunci: dove deciderai il nome del gruppo e inserirai le parole chiave. 

Finalmente arriviamo alla fase dell’annuncio! 

esempio annuncio noonic

  • Titolo: Come vedi, puoi inserire fino a 3 titoli! Ricordati che il titolo è la prima parte visibile di un annuncio quindi è la parte cruciale, la più importante! 
  • Descrizione 1: la prima linea di testo dove puoi descrivere o introdurre la tua offerta al pubblico
  • Descrizione 2: molto breve, non sempre viene visualizzata 

Alcuni suggerimenti per scrivere un titolo adeguato e accattivante:

  • Includi un numero: aumenta di gran lunga le probabilità di attirare un utente 
  • Fai una promessa: ormai sai cosa cerca il tuo cliente ideale, promettigli che otterrà il risultato desiderato! 
  • Utilizza la parola ”gratis” o ”gratuito”: è magica! Se possibile, usala!

2. Monitora l’andamento della tua campagna, sempre! 

In questo modo saprai quali annunci hanno convertito e il comportamento degli utenti: tramite email, tramite chiamata, tramite sito, ecc…

6. Ottimizza il tuoi annunci per ottenere successo

Scegli attentamente dove far apparire il tuo annuncio, sulla rete Ricerca o Display!

La campagna di tipo ‘’Ricerca’’ è indicata per chi ha come obiettivo la vendita o ricevere contatti profilati. Questo perché si basa sulle parole utilizzate dagli utenti per la loro ricerca nel motore di ricerca. 

D’altro canto, se stai lanciando il tuo brand e vuoi guadagnare popolarità, opta per la campagna display: Google Ads gode di una grande quantità di siti partner, dove poter posizionare il tuo annuncio e riuscire a intercettare utenti potenzialmente interessati. 

Ricordati assolutamente di ottimizzare le impostazioni di offerta, di corrispondenza e le keyword negative. Più ottimizzi questi elementi, più conversioni puoi ottenere! 

Fai dei test A/B per stabilire quale annuncio performa meglio e massimizzare il profitto proveniente dalle tue campagne ads! Pertanto, fai tanti test e molto frequentemente, 1 al mese non basta! Posso consigliarti di cambiare un solo elemento tra un annuncio e l’altro e di metterli a confronto: vedrai subito quale elemento è stato la chiave per la conversione! 

Prima di notare dei risultati dovranno ovviamente passare alcuni giorni, ma puoi monitorare costantemente tutto ciò che accade. 

Conclusione

Investire nella pubblicità PPC dovrebbe essere parte integrante della strategia marketing della tua azienda. È provato che generi contatti profilati e aumenti le vendite. 

Se non sei un esperto di Google Ads ti posso consigliare la guida completa che ho scritto. Altrimenti fai tesoro dei consigli in questo articolo, possono sembrare dettagli scontati, talvolta banali, ma i dettagli fanno sempre la differenza. 

copertina della guida
Noonic Google Ads Guida